DONIA NEWS  
             
 
Manfredonia Calcio
Multimedia
Community
LOGIN
Login
Password
Ricorda i miei dati:
Visitatori Online
  Utenti Totali: 25
Iscritti Community: 3
   MiniDoniaChat 
Meteo Puglia
Accrediti Stampa
Acquista i biglietti delle partite del DONIA online!

Ascolta la partita del Donia in diretta su Rete Smash!

Clicca su Play per ascoltare

 
Provincialismo, un freno per la Lega Pro
 06 agosto 2008 ore 09:53  Categ: Lega Pro
 Fonte: Calciopress Autore: admin

La Lega Pro ha bisogno di una riforma. Per attuarla diventa impellente lasciarsi alle spalle il provincialismo che ancora la affligge. Un atteggiamento mentale che frena il pieno e condiviso utilizzo delle risorse di cui la categoria dispone. Che il presidente Macalli sta, finalmente, cercando di pilotare...

La Lega Pro ha bisogno di una riforma. Per attuarla diventa impellente lasciarsi alle spalle il provincialismo che ancora la affligge. Un atteggiamento mentale che frena il pieno e condiviso utilizzo delle risorse di cui la categoria dispone. Che il presidente Macalli sta, finalmente, cercando di pilotare.

Il bello della Lega Pro Prima Divisione (ex serie C1), categoria polimorfa nella quale confluiscono trentasei societ� espressione di contesti molto diversi tra loro e comunque popolata da club che rappresentano le grandi citt� italiane in numero superiore rispetto alla serie B, � il sopravvivere di un sano campanilismo. Ci� che rappresenta un giustificato e giustificabile segno di attaccamento ai colori. A patto, come ovvio, che esso non travalichi nella faziosit� fine a se stessa.

Meno comprensibile � il provincialismo strisciante che continua a connotare la terza serie nazionale. Un atteggiamento mentale che affligge la quasi totalit� delle iscritte a prescindere dal blasone e dalla storia che si portano dietro. Quasi che il passaggio in LP1 fosse un momento transitorio nella storia del club. Una sorta di onta, se si vuole, da cancellare il prima possibile.

Se � vero che per alcune societ� dal luminoso passato (Genoa e Napoli) il transito attraverso questa vituperata categoria non � stato drammatico, per molte altre la faccenda ha assunto nel tempo contorni deflagranti. Al punto che quello che avrebbe dovuto esere un rapido e indolore passaggio si � presto trasformato nell�attraversamento di una palude. Nella quale tante nobili decadute si sono impantanate, senza riuscire a tirarsene fuori nei tempi e nei modi programmati.

Il fatto � che non piace a nessuno rimanere intrappolati in un mondo considerato, a torto o a ragione che sia, il parente povero del calcio professionistico italiano. Bisognerebbe saper essere realisti nella vita. Ossia valutare le situazioni per quello che sono e non per ci� che si vorrebbe che fossero. E cos�, in LP1, il provincialismo finisce per travolgere tutti. Grandi e piccoli. Marchia in negativo una categoria che avrebbe invece bisogno di slancio e di fantasia.

Il provincialismo � improntato, purtroppo per tutti, dalla scarsa (nulla) propensione a cercare le soluzioni necessarie per i tanti problemi da cui la serie � gravata. Perch� la chiusura mentale che lo connota induce a confinarsi nel proprio orticello, grande o piccolo che sia. Fino ad autoinfliggersi forme di oggettiva arretratezza culturale.

Occorre una sorta di rivoluzione copernicana che tarda ad arrivare e che assume, nel malandato pianeta della terza serie, carattere di urgenza e di emergenza. Pena la definitiva emarginazione, fino al rischio della scomparsa, di una categoria che pure occupa un suo specifico ruolo nel panorama professionistico del calcio italiano.

Per attuare questa riforma, in un contesto dominato da tanti e cos� diversi campanili, diventa sempre pi� impellente lasciarsi alle spalle il retrivo atteggiamento mentale che frena il pieno e condiviso utilizzo delle risorse. E� quanto sta cercando di fare, dopo anni di indifendibile immobilismo, La Lega di Firenze e in primis il suo presidente Mario Macalli. Che sembra aver imboccato la strada di un decisionismo del tutto latitante in altri vertici federali, Figc e Lega, ormai simili a sepolcri imbiancati

Rilanciare la neonata Lega Pro significa, in buona sostanza, dare concretamente una mano a chi sta cercando di realizzare il tanto atteso cambiamento. Bisogner� fare ciascuno la propria parte (societ�, tifosi, organi di informazione e quant�altro) per provare a rimettere in moto un meccanismo ormai traballante.

Il ruolo delle "grandi" (o presunte tali) che popolano la categoria ovvero che semplicemente vi transitano (o pensano di transitarvi) sarebbe, sotto questo aspetto, assolutamente fondamentale. Cos� per� non sempre (quasi mai) avviene. Anche i club blasonati si fanno travolgere dalle onde del disincanto, limitandosi a cavalcare i loro interessi personali e non partecipando in modo fattivo al decollo della categoria.


Sergio Mutolo - www.calciopress.net

 Letture : 37 |  Torna indietro

PER SCRIVERE COMMENTI OCCORRE REGISTRARSI
 
Campionato
Squadre 2° Divisione Gir. C
Andria Bat 0
Aversa Normanna 0
Barletta 0
Cassino 0
Catanzaro 0
Cosenza 0
Gela 0
Igea Virtus 0
Isola Liri 0
Manfredonia 0
Melfi 0
Monopoli 0
Noicattaro 0
Pescina V.d.G. 0
Scafatese 0
Val di Sangro 0
Vibonese 0
Vigor Lamezia 0
.: Dettagli Classifica :.
Abbonamenti 08/09
Campagna Abbonamenti S.S. Manfredonia Calcio 2008/09
   Sondaggio 
Cosa pensate del ritorno di mister D'Arrigo sulla panchina del Manfredonia?
Sono molto contento, è l'uomo giusto per noi
Non sono soddisfatto, avrei preferito un altro
Non saprei, aspetto un po' prima di giudicare
Vota  -  Risultati
Voti : 30
Aderisci a Manfredonia Top Supporter!
Google